Scopo delle visite e risultati

Gli scopi principali della sorveglianza sanitaria sono:

a)    Identificare eventuali condizioni negative di salute in uno stadio precoce al fine di prevenire un ulteriore aggravamento, soprattutto se correlato all’attività lavorativa;

b)   Identificare i soggetti portatori di condizioni di ipersuscettibilità, per i quali vanno previste misure protettive e più cautele rispetto agli altri lavoratori;

c)    Contribuire all’accuratezza della valutazione del rischio collettivo ed individuale;

d)   Verificare nel tempo l’adeguatezza delle misure di prevenzione adottate nei luoghi di lavoro;

e)    Raccogliere dati clinici per operare confronti tra gruppi di lavoratori nel tempo e in contesti lavorativi differenti;

Quali sono i giudizi che possono essere espressi dal medico competente a seguito dell’esecuzione delle visite? In base alle risultanze delle visite il medico esprimerà uno dei seguenti giudizi:

a)    Idoneità alla mansione;

b)   Idoneità parziale, temporanea o permanente, con prescrizioni o limitazioni;

c)    Inidoneità temporanea alla mansione;

d)   Inidoneità permanente alla mansione.

Il medico esprime tale giudizio per iscritto dandone copia al lavoratore e al datore di lavoro. Nei casi di giudizio di inidoneità temporanea saranno precisati i limiti temporali di validità della prescrizione.