Cosa fa la Medicina del Lavoro?

Prevenzione, diagnosi e trattamento delle malattie legate all’ambiente professionale.

La figura incaricata all’esercizio della Medicina del Lavoro è per l’appunto il medico del lavoro, il quale opera nel fine di salvaguardare la salute dei lavoratori.

Cosa distingue il medico del lavoro dal medico generico?

Mentre il medico generico (o di base) si occupa del benessere fisico e psichico dell’individuo, il medico del lavoro ha conseguito competenza nell’individuare i sintomi provocati dall’esposizione del lavoratore a rischi specifici.

I rischi posso includere agenti biologici (parassiti; batteri), stress lavoro correlato, agenti fisici (raggi; radiazioni), agenti chimici e relativi danni ad apparati (respiratorio; nervoso; digerente; tegumentario).

Cosa può decidere il medico del lavoro?

Il legislatore prevede che il medico del lavoro collabori con datore di lavoro e responsabile del servizio di protezione e prevenzione attraverso la sorveglianza sanitaria diventando parte attiva della tutela del lavoratore.

Quando è obbligatorio nominare il medico competente?

Il medico competente va nominato nel momento in cui l’azienda di riferimento è soggetta a sorveglianza sanitaria. In altre parole, quando vi è necessità di accertare lo stato di salute dei lavoratori. Sarà l’esperto competente in medicina del lavoro a effettuare gli accertamenti preventivi e periodici in azienda.

Come scegliere il medico competente?

Ogni azienda può scegliere di rivolgersi a liberi professionisti oppure a strutture tra i cui servizi vi siano prestazioni di medicina del lavoro. Gestire la salute e la sicurezza in azienda richiede esperienza e competenza globale in merito alle disposizioni del D. Lgs 81/08, per questo motivo consigliamo ai datori di lavoro di affidarsi a Gruppo Wedoot. Attraverso 626 Medica, 626 Antincendi e Formativa potrete ottenere la migliore consulenza professionale di medici, esperti e tecnici qualificati nel settore.

medicina lavoro medico competente e lavoratore